Decisioni preventive contro la guerra


Fonte: Megachip

gaza2008-N    di Giulietto Chiesa – La Voce delle Voci.

Ho seguito a Kuala Lumpur, Malaysia, le sedute delTribunale Internazionale costituito su iniziativa della Perdana Global Peace Foundation, una creatura dell’ex primo ministro Mahatir Mohammad.

Numerosi testimoni palestinesi della Striscia di Gazahanno sfilato sotto le domande di avvocati e giuristi di Stati Uniti, Asia ed Europa. E io ho provato una sensazione di irrealtà ascoltando le vittime del 2008 (sotto esame erano le violenze della cosiddetta «Operazione Piombo Fuso») mentre sugli schermi televisivi scorrevano le immagini dei bombardamenti israeliani su Gaza del novembre 2012. Una mostruosa conferma di cos’è diventata la comunità internazionale e del suo cinismo.

Una delle testimonianze, soprattutto, mi ha colpito: quella di Salah al-Ammouni, dal villaggio di Al Zaitun. Vi ha perduto 21 parenti, tra cui il padre, la madre, la sua unica bambina. Altri tre figli e la moglie, feriti gravemente, si sono salvati da un massacro in cui hanno perso la vita, in tutto, 91 persone. Solo in quel villaggio.

Non ci fu nulla di casuale. Non ci fu errore. I soldati israeliani sapevano che non c’erano armati e armi nel villaggio. Le persone, tutti civili, con decine di bambini, furono costrette a radunarsi in un edificio ancora in costruzione, dopo essere stati assediati per giorni, senza cibo né acqua. E, quando il raduno fu concluso, l’edificio venne bombardato a colpi di razzi. Tutto il villaggio – come ampiamente registrato da video girati da mani non professionali mostravano – venne raso al suolo dai bulldozer israeliani, senza nemmeno dare il tempo ai rimasti di estrarre i cadaveri.

Mi soffermo su questo episodio (i morti a Gaza furono circa 1400) perché dimostra una cosa precisa, che i media filo sionisti italiani (cioè quasi tutti) oscurano sistematicamente: obiettivo di queste offensive contro Gaza è stato, ed è, quello di costringere i palestinesi a fuggire. Vogliono farli andare via. è la pulizia etnica, effettuata in puro stile nazista. È la stessa tattica che, da decenni, viene applicata nei territori occupati. Essa dice che Israele non intende fare nessuna pace con il popolo palestinese. E dice che Israele non accetta e non accetterà mai che uno Stato palestinese indipendente possa formarsi su quella misera parte di territorio che è stata loro concessa e sulla quale non possono vivere perché accerchiati, affamati, senza libertà di movimento, senz’acqua.

Ma credo che questa volta ci siano anche altri significati. Israele ha sperimentato i suoi nuovi missiliterra-aria, che abbatteranno i missili iraniani in arrivo in caso di guerra. Israele si prepara a una nuova guerra, che scatenerà dopo la caduta dell’ultimo baluardo incontrollato dagli Stati Uniti nel Mediterraneo, cioè dopo la fine di Bashar el-Assad. Prima liquidando Hamas, poi Hezbollah, infine andando a scontrarsi con Teheran. Ormai l’operazione di divisione dei palestinesi è giunta a termine. Al Fatah è interamente in mani amero-israeliane. Hamas è stato catturato dal Qatar. Bisogna togliere di mezzo Hezbollah. I Fratelli Musulmani sono già d’accordo con Washington e il fronte egiziano è garantito.

Dunque sarà opportuno prepararsi. Vale per noi europei, che siamo corresponsabili, come lo sono sempre stati gli Stati Uniti, per avere permesso a Israele di proseguire sulla linea dell’Apocalisse.

Ma di queste cosa non si può parlare in Italia, nel mainstream dominato dal sionismo. Un paese che ha un presidente della repubblica che, di fronte al massacro di centinaia, migliaia di civili palestinesi, non rinuncia a tacere e rivendica il diritto di Israele alla propria difesa.

Con questo presidente e con il futuro presidente dobbiamo sapere che l’Italia sarà di nuovo trascinata in un’avventura militare.

Per questo dobbiamo proclamare a gran voce, e mettere in ogni programma di governo del paese, la decisione preventiva che l’Italia non parteciperà a nessuna operazione militare. Preventiva, insisto, di nessun tipo e per nessuna ragione. Perché farlo dopo sarà tardi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: